A scatola chiusa

Autore : Georges Feydeau

"Il più grande autore comico dopo Molière": così nel 1984 il commediografo Marcel Achard definisce Feydeau.
Georges – Leon – Julie – Marie Feydeau, (1862 - 1921), drammaturgo francese, autore di farse e commedie leggere, nacque a Parigi in un ambiente artistico. Suo padre Ernest era uno scrittore celebre, amico di Flaubert ed autore di trattati di archeologia e di romanzi libertini. Sua madre, polacca, era notissima per la sua bellezza.
A partire dalla sua adolescenza iniziò a scrivere dei monologhi, poi dei pezzi da lui stesso interpretati. Ottenne il suo primo successo con la commedia "Sarto per signora" (1887) che fu bene accolta dalla critica. foto1Negli anni successivi scrisse almeno altre sei opere, che non convinsero nè il pubblico nè la critica.
Solo nel 1892, quando andò in scena il suo vaudeville "Il signore va a caccia", il drammaturgo ottenne un largo successo di pubblico. Seguirono "Champignol suo malgrado", "Il Sistema Ribadier" che propiziarono l’inizio di una serie di classici del vaudeville : "A scatola chiusa" (1888), "L’Hotel del libero scambio" (1894), "La dama del Chez Maxim" (1899); "La Duchessa delle Folies-Bergère" (1902), "La pulce nell‘orecchio" (1907), "Occupati di Amelia" (1908) e "Il tacchino" (1910).
Feydeau si allontanò allora dal vaudeville per comporre delle farse coniugali in un atto, la cui comicità feroce e virulenta gli fu forse ispirata dal fallimento del proprio matrimonio con Marianne Carolus-Duran.
Tra questi si ricordano "La defunta signora mamma" (1908), "La purga di Bébé" (1910) "Ma non andare in giro tutta nuda" (1911), e "Ortensia ha detto: me ne frego" (1916).


Trama della commedia

La commedia è tratta e liberamente adattata dal lavoro di G. Feydeau "Chat en poche", nel quale l’autore ironizza sulla "nuova borghesia" del tempo, arricchitasi con facilità ma senza un bagaglio di conoscenze culturali o d’educazione.
La trama si snoda via via arricchendosi con i meccanismi dell’equivoco, dell’ingenuità, dell’ignoranza e dell’intreccio amoroso.
Il Sig. Pacarel, parvenu arricchitosi con il commercio, convinto di raggiungere la gloria facendo rappresentare al Teatro dell’Opera di Parigi un lavoro scritto da sua figlia, ingaggia – tramite conoscenze – un artista lirico di grande notorietà.
Il protagonista è quindi il tenore, attorno al quale tutti i personaggi ruotano, ognuno mirando al proprio tornaconto, carichi dell’imprevedibilità delle trovate, dei quiproquo e del ritmo che l’Autore conferisce loro, proprio in funzione della trama stessa della commedia.
La satira del costume sociale è solo un pretesto al perfetto movimento scenico.
Gli intrighi, complicati, sono costruiti con minuzia; le situazioni impreviste si incalzano con logica implacabile, in un ritmo serrato.

Locandina

loc  

Retro locandina

retro loc  

Recensione

rec

Fotografie dello spettacolo


Per vedere le foto dello spettacolo cliccare qui.

Video dello spettacolo


Per vedere i video dello spettacolo cliccare qui.


Torna indietro    Torna in cima    Home page    Mappa del sito